OTTOBRE

LA MEMORIA COMUNE

facciata 8.JPG Nell’ottobre del 1595 venivano aperti per la prima volta i battenti della Chiesa Madre di San Vito, ...(leggi tutto)

I NOSTRI PADRI

Francesco Carbotti xs.jpg Il 18 ottobre 1911 nasceva Francesco Carbotti. Ad un passo dal conseguimento della laurea in Lettere...(leggi tutto)

LA TRADIZIONE LOCALE

L'ARCOBALENO RICORDA

IMPRONTE ED ISTANTI

Al mare

L'una dopo l'altra,
l'onde del mare
si prostrano ai miei piedi.
Ora so di non essere
un uomo da nulla.

Vito Giuseppe Mele
Il mio cuore in versi, Edizioni Libroitaliano, 2002...(leggi tutto)

L'ARCOBALENO SEGNALA

IL NOSTRO BIMESTRALE copertina 4 2018 xs.jpg
agosto/settembre 2018

L'ARCOBALENO PROMUOVE

L'ARCOBALENO CONSIGLIA

11 - 5 - 2018
Campionati studenteschi: positiva la partecipazione dei nostri
Gli studenti-atleti della "Buonsanto" hanno ottenuto eccellenti risultati

Mercoledì scorso, il palazzetto dello sport di San Vito dei Normanni ha ospitato la fase regionale dei campionati studenteschi di ginnastica. La manifestazione ha rappresentato la conclusione delle diverse attività sportive realizzate quest'anno a livello provinciale e regionale dagli studenti della scuola Media "Buonsanto", preparati dalla referente del progetto, la docente di educazione fisica, la prof.ssa Antonietta Marseglia.
Davvero esaltanti i risultati ottenuti nelle varie discipline sportive in quest'anno scolastico: due titoli regionali nella ginnastica maschile e femminile a squadre, un terzo posto individuale di Riccardo Ruggiero nel salto in alto (con la misura di 1,56), tre titoli provinciali sulla pista di atletica di Brindisi nei salti in alto e lungo e nella staffetta femminile 4X100, un posto d' onore nel salto in alto femminile e un terzo di squadra, un secondo posto nella campestre provinciale. I ragazzi hanno preso parte anche ai tornei d'istituto di sport di squadra con la formula del "nessuno escluso".
"Tutto questo - afferma la professoressa Marseglia - non basta a esprimere quel che resta negli occhi e nel cuore dei ragazzi: l'impegno per dare il meglio per sé, per la squadra, la voglia di superarsi, il mettersi in gioco in sport diversi da quelli praticati, l'assunzione di responsabilità, l'aumento degli impegni pomeridiani, il conciliare gli stessi con lo studio ed essere comunque bravi a scuola, il perseguimento di obiettivi sempre più alti e la passione che vince gli sforzi. Sono valori che la scuola ha il dovere di trasmettere e valorizzare. Lo sport genera emozioni e le emozioni producono passione che spinge a progredire anche nella vita. Ed è elisir di freschezza anche per noi insegnanti".

Share