DICEMBRE

LA MEMORIA COMUNE

dicembre memoria.jpg Come confermato dai dati contenuti in una pubblicazione dedicata allo scoutismo pugliese, risale al ...(leggi tutto)

I NOSTRI PADRI

quero.jpg Padre Angelo Quero non era sanvitese ma ha legato in maniera indissolubile il suo nome a San ...(leggi tutto)

LA TRADIZIONE LOCALE

L'ARCOBALENO RICORDA

IMPRONTE ED ISTANTI

Al mare

L'una dopo l'altra,
l'onde del mare
si prostrano ai miei piedi.
Ora so di non essere
un uomo da nulla.

Vito Giuseppe Mele
Il mio cuore in versi, Edizioni Libroitaliano, 2002...(leggi tutto)

L'ARCOBALENO SEGNALA

IL NOSTRO BIMESTRALE copertina 5 2018 xs.jpg
ottobre/novembre 2018

L'ARCOBALENO PROMUOVE

L'ARCOBALENO CONSIGLIA

6 - 8 - 2018
La città, i suoi figli e le sue tradizioni in mostra
Si inaugura stasera "Sovente mi sovviene di San Vito"

Sarà inaugurata questa sera, lunedì 6 agosto, alle ore 20, nella chiesa di San Giovanni, la mostra "Sovente mi sovviene di San Vito - San Vito dei Normanni, la sua terra, il suo popolo".
Si tratta di un evento inserito nel calendario degli appuntamenti estivi patrocinati dalla Amministrazione Comunale, promosso dalla Associazione Culturale Arcobaleno.
Ideatori e curatori della mostra sono Dario Romano e Simone Saracino, due giovani sanvitesi amanti della propria terra e, perciò, desiderosi di farla conoscere ai tanti turisti presenti in queste settimane nel territorio e di farla ancor più apprezzare ai loro concittadini.
Foto e video dei luoghi e delle tradizioni, i profili dei figli illustri: c'è San Vito dei Normanni, la sua terra, il suo popolo (come recita il sottotitolo), dalle origini ai giorni nostri. Quel "Sovente mi sovviene di San Vito" è l'incipit di una poesia ("Casa natìa") che Lanza del Vasto compose in Francia e dedicò al suo paese natale. Le note di Leonardo Leo (altro illustre figlio di questa terra, del quale proprio oggi ricorre l'anniversario del battesimo) sono il pregiato sottofondo musicale che accoglierà i visitatori.
All'interno della mostra vi è anche una sezione, curata dal "S.a.c. La Via Traiana", dedicata alla musica popolare. Lo staff del S.a.c., peraltro, terrà ogni fine settimana dei laboratori esperienziali in tema.
La mostra, che potrà essere visitata fino al 2 settembre tutti i giorni dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 18 alle 21, è realizzata in doppia lingua (italiano e inglese) proprio per consentire al maggior numero possibile di persone di conoscere la storia e le peculiarità di questo centro che, grazie a questa iniziativa, mostrerà il suo volto di terra di fede e di pace, terra di musica e di cinema. Il volto di una terra da vivere.
Per volere degli stessi organizzatori, la mostra è dedicata a Marco Marraffa, cultore della memoria cittadina, nel decennale della sua scomparsa.

Share