LUGLIO

LA MEMORIA COMUNE

avis xs.jpg Trentadue anni fa venne costituita a San Vito dei Normanni una sezione dell'A.v.i.s., l'Associazi...(leggi tutto)

I NOSTRI PADRI

rime giovanni palma xs.jpg Il 14 luglio 1585 nasceva a San Vito dei Normanni Giovanni Palma. Segretario del marchese di ...(leggi tutto)

LA TRADIZIONE LOCALE

L'ARCOBALENO RICORDA

IMPRONTE ED ISTANTI

Al mare

L'una dopo l'altra,
l'onde del mare
si prostrano ai miei piedi.
Ora so di non essere
un uomo da nulla.

Vito Giuseppe Mele
Il mio cuore in versi, Edizioni Libroitaliano, 2002...(leggi tutto)

L'ARCOBALENO SEGNALA

IL NOSTRO BIMESTRALE img138.jpg
giugno/luglio 2018

L'ARCOBALENO PROMUOVE

L'ARCOBALENO CONSIGLIA

9 - 7 - 2018
M5S: "500.000 euro di residui cancellati. Richiesta una Commissione d'indagine".


Comunicato stampa Movimento 5 Stelle San Vito dei Normanni
Un Consiglio Comunale lungo e appassionato si è concluso oltre la mezzanotte di giovedì. Molti temi importanti trattati ma una questione grave e rilevante è emersa durante la discussione sul rendiconto 2017.
L’attuale amministrazione ha portato in Consiglio Comunale atti di bilancio che sicuramente meriterebbero l’attenzione delle autorità competenti. Con apposita determina, infatti, sono stati cancellati circa 500 mila euro di residui attivi! Si tratta di crediti mai incassati che vanno dal 1994 al 2005, divenuti da un giorno
all’altro inesigibili senza che nessuno ne abbia mai chiesto conto. Un disavanzo che ora sarà ripianato in
parte con gli oneri di urbanizzazione. In pratica, i fondi destinati alla riparazione delle strade si utilizzeranno per ripianare i buchi di bilancio.
Abbiamo rilevato e denunciato l’estrema gravità della situazione. Tutti i capigruppo hanno condiviso la
scelta di istituire una commissione d’inchiesta che rianalizzi i bilanci degli ultimi venti anni.
La “gestione creativa” dei fondi pubblici ha portato i cittadini a doverne pagare oggi il conto. Non si può stare fermi e in silenzio! Per questo il nostro portavoce comunale Marco Ruggiero ha annunciato l’invio del fascicolo alla Corte dei Conti. Che ci fosse una situazione grave nei conti del Comune l’abbiamo sempre detto, ma arrivare al punto di non ritorno è una condanna che la cittadinanza non merita.