NOVEMBRE

LA MEMORIA COMUNE

memoria novembre.jpg La notte tra il 5 e il 6 novembre 1940 San Vito dei Normanni fu bersaglio di un bombardamento aereo,...(leggi tutto)

I NOSTRI PADRI

padre marrazzo.jpg Giuseppe Marrazzo, padre rogazionista, nacque a San Vito dei Normanni nel 1917, sesto di nove figli....(leggi tutto)

LA TRADIZIONE LOCALE

L'ARCOBALENO RICORDA

IMPRONTE ED ISTANTI

Al mare

L'una dopo l'altra,
l'onde del mare
si prostrano ai miei piedi.
Ora so di non essere
un uomo da nulla.

Vito Giuseppe Mele
Il mio cuore in versi, Edizioni Libroitaliano, 2002...(leggi tutto)

L'ARCOBALENO SEGNALA

IL NOSTRO BIMESTRALE Arcobaleno ott.novembre-1.jpg
ottobre/novembre 2019

L'ARCOBALENO PROMUOVE

L'ARCOBALENO CONSIGLIA

4 - 10 - 2019
Forza Italia: "Grazie Sindaco...!"


Grazie Sindaco...! Dopo le deliranti confusioni su importanti servizi e con un generale peggioramento delle loro qualità, quali la nettezza urbana, il cimitero, l’asilo nido, il reclutamento di personale rigorosamente senza l’espletamento di un solo concorso, che potesse dare la possibilità ai giovani sanvitesi di cercare di trovare occupazione e tanto altro ancora, ci ritroviamo all’assurda comunicazione del Sindaco che chiude provvisoriamente (ma sarà poi così?) il Centro Semiresidenziale Disabili “Raggio di Sole”, che per decenni ha accolto i nostri figli, un servizio dall’alto significato sociale ed umano CHIUSO.
Allora non ci resta che dire: Caro Sindaco, GRAZIE!!!Grazie Sindaco ...! Tanti grazie per ogni ragazza, ragazzo e loro familiare per la chiusura del Centro.
Grazie anche per gli operatori che si trovano adesso senza lavoro! Grazie a nome di tutta la cittadinanza sanvitese per averci privato di una risorsa indispensabile, fiore all’occhiello della nostra comunità, che fino a ieri era in piena attività.
La domanda sorge spontanea: cosa penserebbe il fondatore di tale struttura? Sicuramente non sarebbe contento di questa soluzione finale. E pensare che in quasi quarant’anni di attività, il centro sicuramente avrà incontrato difficoltà, problemi, ostacoli, ma sono stati affrontati e superati, perché le varie amministrazioni avvicendatesi hanno avuto un unico obiettivo: garantire il giusto sostegno alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi frequentanti il centro e alle proprie famiglie.
In tutta questa storia si rileva (brilla) l’assenza dell’amministrazione con la sua inerzia, la sua incapacità di affrontare i problemi e l’assenza degli amministratori preposti.
Se non è insipienza, distrazione, sbadataggine, disattenzione, disinteresse, allora è incapacità amministrativa o peggio inadeguatezza e mancanza di autorevolezza nei confronti dell’Ufficio del Piano di Zona di Brindisi, che ormai fa da padrone ed ha svuotato i Servizi Sociali della nostra Città. Dove ci porterà quest’amministrazione? Domani quale altra amara sorpresa ci riserverà?
Di una cosa siamo certi: terminate qui la vostra deludente esperienza politica, prima che possa succedere qualcos’altro di ancora più irreparabile.
Alessandra Pennella coord. cittadina F.I
Vincenzo Calabretti coord. cittadino F.I Giovani